Blog

Corona e l’avventura “a portata di mano”

Corona und das Abenteuer "vor der Haustüre" | Hammer Tackle

In realtà la storia inizia molto prima. All'inizio di marzo, prima del Corona, nel sud della Francia, con un autobus appena rinnovato e con tanta voglia di fare un giro attraverso l'Europa. Fino alla mattina del 17 marzo, quando l'interno puzzolente di un sacco della spazzatura colpì il mio umore altrimenti allegro durante una passeggiata mattutina. Una volpe aveva strappato il grande sacchetto di plastica blu - apparentemente lasciato dai carpisti - e lo aveva sparso sulla riva. Lattine, carta igienica umida e cibo avariato sulla terra tenera primaverile. Ma qualcos'altro mi ha davvero peggiorato l'umore. Erano esattamente le undici e mezza quando è arrivata un'auto della polizia e due poliziotti con le maschere sul viso si sono diretti verso di me. Sono stati scortesi e mi hanno spiegato succintamente che avevo ancora mezz'ora per scomparire ed andare in quarantena. Quello che seguì fu un surreale gioco a nascondino.

Alla fine di aprile ho osato tornare in Germania, semplicemente perché non potevo più sopportare la continua fuga. Ritornare in società è sempre stato un po' strano per me, ma questa volta sarebbe stato di prim'ordine. Paura e incertezza generale, persone che indossavano mascherine anche quando andavano in bicicletta e un popolo diviso tra credenti e non credenti al Corona. La normalità era perduta. Dopotutto in Germania potevi ancora uscire nella natura quando volevi. Così ho vissuto di nuovo “legalmente” nella natura, anche se con una maschera.

Ma come posso soddisfare il mio bisogno di avventura in Germania? Non mi piacevano i laghi di cava sovraffollati. A causa di Corona non c'erano comunque biglietti per gli ospiti. Poi Jakob è entrato in contatto con nuovo entusiasmo e con l'idea di un viaggio insieme su un grande fiume tedesco. Erbe, pesce selvatico e tutto questo nel cuore della patria di Jakob, il Breisgau. Non c'è voluto molto perché il nostro fuoco esplorativo insieme si accendesse. Il tempo era meraviglioso ed eravamo liberi come maggiolini.

La battuta d'arresto è arrivata presto. Durante l'esplorazione con il gommone, le zone pianeggianti, in parte rocciose, in parte erbose, sembravano morte: nessuna carpa, né coregone, né ghiozzi, nessun segno di vita. In più, sul fondo si appiccicava uno spesso e untuoso tappeto di alghe ed erbacce. Da settimane non c'era più nulla di attivo nelle acque poco profonde. Niente saltava nelle zone più profonde. Quindi abbiamo cambiato sezione ed esplorato di nuovo. Abbiamo subito visto alcune tracce relativamente fresche nelle zone poco profonde e persino due o tre carpe di piccole dimensioni sbucate dal nulla. Abbastanza piccolo e probabilmente alto nemmeno cinque chili: tuttavia abbiamo voluto tentare la fortuna.

La seconda mattina Guido venne a trovarci per una notte. L'amico franco-tedesco di Jakob (o franco-allemand come dicono anche loro) ha nascosto la sua macchina nel bosco dalla parte opposta alle cinque del mattino. Il soccorritore Jakob lo ha poi condotto abilmente su un gommone attraverso il confine franco-tedesco che attraversa il fiume. Dopo le lunghe settimane agli arresti domiciliari, l'appassionato pescatore aveva un sorriso permanente sul viso quando ha visto l'acqua. Essere lì era tutto per lui in quel momento.

Purtroppo la terza notte abbiamo ricevuto anche un purosangue Blank e così Jakob e io abbiamo deciso spontaneamente di recarci in un altro grande fiume tedesco. Semplicemente a causa della mancanza di alternative e perché i fiumi sono così alla moda adesso (divertente). Dopo ben 200 chilometri, il mio amico Stefan ci ha incontrato lì e ci ha mostrato alcuni posti promettenti. Aveva catturato carpe in una zona qualche giorno prima e quindi speravamo che le sue informazioni ci avrebbero aiutato a finire le nostre tre notti in bianco.

Gli Ice Saints annunciarono presto il loro arrivo attraverso nuvole scure e basse. Non appena abbiamo sistemato tutto e posato le canne, il cielo si è aperto sulle nostre menti inondate di sole. Ha fatto davvero freddo! Era davvero scomodo, tutto si stava bagnando e le macchine che sfrecciavano sulla strada principale di fronte ruggivano qualche decibel più forte sull'asfalto bagnato. Tuttavia, l'umore non poteva cambiare. La prima mattina, un grosso specchio fluviale tirò la mia canna. Per me la prima carpa di questo fiume della Germania meridionale. E solo poche ore dopo, a Jakob è stato permesso di estrarre la sua prima carpa da questo fiume. Il drastico cambiamento del tempo ha davvero dato il via al mondo acquatico. Corrente in rapido aumento, attività dei pesci in superficie: dopo una notte costantemente piovosa, al mattino ho catturato una seconda carpa e Jakob ha superato in astuzia un luccio. SÌ! Funziona!

Ma la zuppa scura e fumante purtroppo ha perso il suo carattere condiscendente poco dopo e ci è stata concessa una pausa di 24 ore - finché Jakob non ha iniziato il finale. Il terzo giorno è stato addolcito anche dai ragazzi di Stefan, che avevano voglia di andare a pescare, ma purtroppo papà è dovuto andare in ufficio. È uscito il sole e ci siamo davvero goduti la giornata dopo i due gelidi giorni di pioggia. Mentre Jakob, Simon e il piccolo Samuel cercavano instancabilmente di catturare pesci da esca, io ho asciugato e organizzato tutto dietro la serratura prima del nostro previsto cambio di posizione. Come dal nulla, la verga che Giacobbe aveva messo più lontano scappò via. Ci siamo guardati tutti increduli e siamo scappati! Attraverso la siepe di more, su per il pendio fangoso e giù per la diga: i pesci si muovevano tranquilli nella zona con poca corrente mentre Jakob era un po' nervoso. Tuttavia, ha lasciato le reti ai bambini. Uno specchio sorprendente con una grande testa e cicatrici sui vecchi fianchi scivolò oltre il bordo della rete. Il momento era perfetto!

Nonostante questo pesce, la nostra voglia di esplorare ci ha comunque portato nella zona dietro la chiusa. Con il gommone e il motore a benzina sono tornato alla macchina parcheggiata al pontile. Mentre mettevo via tutto, Jakob si prendeva cura dei ragazzi finché mamma Susi non veniva a riprenderli. Sfortunatamente, la notte nella nuova casa è stata tranquilla e quando la mattina dopo è tornata a piovere, abbiamo deciso di fare le valigie. Le nostre strade si separarono di nuovo: dopo un breve soggiorno a Karlsruhe, Jakob si trasferì in Olanda, mentre io andai a trovare un vecchio amico e avrei dovuto pescare con lui ancora qualche giorno allo stagno della cava. Era meno un'avventura, ma c'erano più grigliate.

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Hit the road Jake: Tagebuch eines Vagabunden | Hammer Tackle
Lucas à la recherche de la magie - pt1 | Hammer Tackle