Blog

Guido Richard: Qualcosa di nuovo – la pesca al luccio nel Volkerak

Guido Richard: Etwas Neues - Hechtangeln im Volkerak | Hammer Tackle

Da quando sono diventato un pescatore, sono costantemente alla ricerca di nuovi modi per divertirmi. Per questo ho bisogno di un obiettivo e di sfide: voglio creare nuove sensazioni, esplorare nuovi percorsi per soddisfare il mio desiderio quasi patologico di pesca avventurosa.

Negli ultimi anni ho avuto una grande varietà di obiettivi che hanno portato con sé sfide importanti. Per molto tempo si è trattato di pesca a mosca sotto forma di gare nazionali ed internazionali, almeno finché non è venuta meno la voglia ed il divertimento per essa.

Nel complesso, però, mi è mancata la scoperta e l'avventura. Anche se ho conosciuto molti paesi e acque attraverso le varie gare: tutto era sempre pianificato, le rotte erano disegnate e in fondo si trattava solo di sfruttare al meglio tutto nel tempo dato. Per molto tempo mi è piaciuto molto l'aspetto tecnico e la premessa di adattarmi per ottenere la massima efficacia possibile e questo era tutto ciò per cui vivevo. Ma man mano che la noia si è insinuata nel tempo, la pesca alla carpa è diventata più interessante per me. Qui si trattava di cercare e scoprire: così ho ritrovato l'avventura della pesca.

Allo stesso tempo, in me si stavano ancora sviluppando i piani per la pesca a mosca. Nello specifico, si trattava della pesca a mosca in Nuova Zelanda. Quando ho messo in atto questo piano, inizialmente mi sono sentito piccolo, perso e senza un piano nelle prime settimane, circondato da tutte le montagne e migliaia di fiumi. Ma è proprio questa sensazione che amo quando pesco! Mi dà l'energia, la motivazione, la voglia di perdermi nella mia pesca e di investire in essa tutto quello che faccio.

Ora, qualche anno dopo, ho provato di nuovo esattamente la stessa sensazione quando ho riscoperto il delta del Reno in Olanda con il mio caro amico Nico. In questa bellissima mattina di giugno, prima dell'alba, dopo un breve viaggio in barca, le chiuse del Volkerak si sono aperte. Con il sorgere del sole, inizialmente ci siamo chiesti da dove cominciare. Se i lucci fossero ancora più superficiali tra le erbacce o dovremmo cercare più in profondità lungo i bordi? Dov'erano i coregoni poco fa? Certo, eravamo piuttosto all'oscuro considerando l'enorme distesa d'acqua.

Lentamente si è fatto chiaro e c'era questo miscuglio di natura selvaggia, enormi corsi d'acqua e campi con bordi ventosi - anche prima di iniziare a pescare, sapevo già che questa era esattamente la mia cosa. L'atmosfera era perfetta, proprio come in Nuova Zelanda qualche anno prima.

Non voglio entrare troppo nei dettagli sulla pesca lì perché semplicemente non ho esperienza. Ma avevamo ben otto giorni davanti a noi e, come con qualsiasi nuovo specchio d'acqua, all'inizio lo abbiamo affrontato lentamente. Nei primi due giorni abbiamo provato molte zone diverse, abbiamo mappato molta acqua con l'ecoscandaglio e allo stesso tempo abbiamo cercato il coregone.

Siamo riusciti a salvare alcuni punti rilevanti in tempi relativamente brevi. La maggior parte dei coregoni era tra le alghe relativamente vicino alla riva, le breme erano attualmente nel bel mezzo della deposizione delle uova e ovviamente: i lucci erano proprio lì. La settimana è volata ed è stata meravigliosa. Solo il vento in alcuni giorni ci ha reso la pesca un po' più difficile, perché in barca su una distesa d'acqua così grande può diventare rapidamente scomodo.

In tutto il tempo siamo riusciti a catturare quasi 45 lucci. E anche se non c'erano pezzi veramente grandi, siamo rimasti comunque molto soddisfatti. Ogni giorno mi innamoravo un po' di più di questo angolo e volevo esplorarlo di più. È semplicemente uno di quegli specchi d'acqua verso cui vorrai spostarti direttamente e trascorrere lì ogni minuto, perché le possibilità sembrano essere infinite.

La fine del nostro viaggio era arrivata ed entrambi sapevamo che dovevamo tornare indietro. Quindi un nuovo viaggio era previsto per l'inizio di settembre.

Quando siamo tornati, ci siamo subito sentiti di nuovo all'oscuro perché tutto era diverso. Ciò che era giusto a giugno ora era sbagliato, bisognava ricominciare tutto da capo. La pesca era generalmente più dura, i coregoni erano ovunque e da nessuna parte - e ovviamente i lucci. Era davvero troppo amaro perché, proprio quando dopo diversi giorni cominciavamo a sentire di nuovo l'acqua, siamo dovuti tornare a casa. Ma è proprio così quando si pesca un gigante così in così poco tempo. Tuttavia, questo me lo ha fatto amare ancora di più e non vedo l'ora di trascorrerci ancora un po' di tempo quest'anno.

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Guido Richard: Okay okay | Hammer Tackle
Vantastic Lukas: Besuch in der Extremadura | Hammer Tackle