Blog

Hit the road Jake 3: Tornato a casa?

Hit the road Jake 3: Back home? | Hammer Tackle

Cari lettori, probabilmente vi sarete chiesti perché i miei blog non appaiono così regolarmente come avevo inizialmente previsto. Bene, lasciami spiegare. Dopo il mio soggiorno in Olanda, sono andato a trovare il mio amico Guido in Francia. Tornato nella mia città natale, Karlsruhe, ho dovuto orientarmi di nuovo e riordinare le impressioni che avevo raccolto. Ho trascorso gli ultimi mesi quasi interamente in riva al mare.

Inizialmente è stato piuttosto difficile per me ritrovare la strada nella vita urbana e sociale. Dopo settimane trascorse circondate da alberi, animali e uccelli, la città mi ha dato un vero duro colpo. All’inizio mi sembrava molto strano vedere altre persone ogni giorno. Ma ho imparato presto ad apprezzare di nuovo il mantenimento dei miei contatti e il contatto costante con gli amici. Naturalmente anche questo ha stimolato in me molti pensieri. Le domande sulle mie priorità e sui miei obiettivi sono state ciò che mi ha commosso. Mi sono reso conto subito che la mia motivazione per la pesca era molto limitata e che ora sono molto più entusiasta di arrampicare di nuovo.

Seguendo questa sensazione, sono andato per alcuni giorni in una grande area di arrampicata. Liberare la mia energia sulla roccia e concentrarmi internamente per le prossime settimane mi è sembrata la strada giusta da percorrere. Come spesso accade, sono rimasto così affascinato dall'arrampicata che ho subito capito quanto sarebbero stati importanti l'allenamento regolare e il successo in parete nelle prossime settimane. Perché indipendentemente dalle mie passioni, attualmente ho degli obblighi che voglio adempiere bene. Una squadra competitiva con figli motivati ​​non si allena, soprattutto senza le idee chiare.

Dato che questo compito mi lega a Karlsruhe per le prossime settimane, è altrettanto importante orientarmi in questa città. Lo avevo quasi dimenticato e solo ora sto gradualmente entrando in una routine confortevole. Tocca a me spiegare anche questo fatto. Vivere in macchina mentre si viaggia è molto più semplice che vivere stazionari in città. Per me è importante avere punti di contatto centrali dove posso parcheggiare ancora e ancora. Luoghi tranquilli per rilassarsi e luoghi dove posso procurarmi acqua ed elettricità.

Ma pochi giorni fa sono stato brutalmente strappato dal mio concetto. Un'orda di acari si annidava nella povera Opel e mi mordeva continuamente durante la notte. Il sonno a volte era impensabile. Per combattere efficacemente i parassiti ho dovuto ripulire completamente la mia macchina, pulirla e anche fumigarla con gas killer. Non dovevo evitare di massaggiarmi con una crema strana. Avrei preferito di gran lunga l’olio di cocco!

Forse ora capisci che la pesca e la scrittura sono passate in secondo piano. Perché anche se ho sempre deciso di sedermi a scrivere, mi mancavano ancora il tempo libero e l'ispirazione. Per me, considero la scrittura un lavoro artistico molto libero. Ecco perché non voglio e non posso obbligarmi a mettere nulla su carta. Solo quando scorre da solo, come adesso, in un bar del centro con un doppio espresso, per me ha valore.

Naturalmente ho trascorso anche qualche notte in riva al mare, ma senza risultati degni di nota. La crisi estiva sembra essere arrivata. Inoltre, le nostre acque originariamente tranquille sono piene di pescatori. Per evitare il trambusto, preferisco limitare la mia pesca a periodi di tempo molto brevi. Nei miei pomeriggi liberi mi piace salire sulla mia bici da corsa, armato solo di una canna e del mais in scatola, e percorrere una varietà di specchi d'acqua. Ci sono sempre opportunità per catturare uno o due pesci grossi.

Attualmente preferisco anche le sessioni con gli amici alla pesca davvero mirata. A volte è più prezioso trascorrere del tempo rilassato insieme piuttosto che perseguire ostinatamente le proprie missioni.

Anche se non ho una storia di pesca particolarmente emozionante da raccontare oggi, posso condividere con voi la mia situazione attuale. Il pensiero che avrei condotto una vita di completo squallore è decisamente fuori luogo. Posso almeno promettere che presto seguirà un flashback sull’Olanda e sul culmine del lockdown. Perché alcune storie non sono ancora state raccontate e non vanno dimenticate.

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Vantastic Lukas: Ein neuer Abschnitt | Hammer Tackle
Vantastic Lukas: Zu Besuch bei Freunden | Hammer Tackle