Blog

Vantastic Lukas: L'incantesimo della giungla (2)

Vantastic Lukas: Bann des Dschungels (2) | Hammer Tackle

Sotto l'incantesimo della giungla

Ho guidato lentamente la mia barca carica e ho concentrato lo sguardo attraverso i vetri polari lungo le rive allagate in una zona d'acqua che avevo fissato come punto d'incontro con Christoph. Dato che Christoph era ancora impegnato allo scalo, ho avuto abbastanza tempo per cercare i pesci nelle baie riparate. Sono andato alla deriva nella giungla, stando in silenzio sulla camera d'aria della mia barca. Silenzio assoluto: solo i rumori ambientali naturali e il cinguettio degli uccelli mi hanno affascinato e mi hanno permesso di fondermi completamente con il momento. Per circa un'ora mi sono fatto strada di cespuglio in cespuglio attraverso il sottobosco sulla barca. Potevo vedere solo un piccolo fiocco. Come per la mia posizione circa 4 giorni fa, quando sono arrivato al lago, ho pensato: i pesci possono essere ovunque e non dipendono affatto dal fatto che noi pescatori spargiamo il loro cibo da qualche parte in aree non protette.

Adesso si torna davvero a pescare!!

Christoph ed io abbiamo optato per un piccolo promontorio da cui abbiamo avuto l'opportunità di pescare in una piccola baia protetta dal vento e in aree interessanti davanti ai nostri piedi. Dopo aver posato le canne, abbiamo cucinato una cena deliziosa mentre conversavamo bene. Christoph era anche una di quelle rare persone con cui ero sulla stessa lunghezza d'onda. Di conseguenza, avevamo molto di cui scambiarci e filosofare.

La prima notte è stata tranquilla e al mattino abbiamo subito fatto programmi per i prossimi giorni: volevamo cercare i pesci. Per me significava finalmente pescare di nuovo come si deve. Dato che ultimamente lavoro molto sul mio laptop, la pesca è spesso passata in secondo piano. Dopo che Christoph e io ci siamo goduti la giornata di sole nel nostro campo nella giungla, abbiamo fatto un po' di sport e ci siamo rilassati, Christoph è riuscito a catturare il suo primo pesce la sera. Dopo che lo Schuppi è stato fotografato, lo abbiamo lasciato nuotare di nuovo e ci siamo sdraiati sui lettini motivati. Volevamo cambiare posto il giorno successivo purché non avessimo avuto ulteriori azioni quella notte.

Cambiamento di spot

Come previsto, la mattina, dopo un caffè, abbiamo preparato le nostre cose. Poiché entrambi avevamo progettato la nostra attrezzatura in modo che fosse altrettanto minimalista e mobile, ci siamo ritrovati rapidamente in acqua con le barche cariche. La giornata soleggiata e senza vento era una posizione eccellente e così abbiamo guidato lungo la riva di metà lago. Il risultato: tante piccole breme, NON una sola carpa!! Un po' delusi, abbiamo deciso di nuovo di andare sulla “mia isola deserta”, dove avevo vissuto prima che Christoph si unisse a me. Questa volta siamo andati su un promontorio dove avevamo ogni sorta di opportunità per stendere le nostre canne su una vasta area. Eravamo di buon umore, dopo tutto tre giorni fa avevo effettuato due azioni in questa zona... Quando quella sera la mia canna da profondità ha sparato come un matto a una profondità di cinque metri, siamo rimasti stupiti dalla rapidità dell'azione. Già durante la feroce lotta in cui i pesci mi hanno trascinato per oltre 500 metri attraverso il lago sospettavo di aver allamato di nuovo un pesce gatto. Ho combattuto con il mostro per circa mezz'ora finché il pesce gatto lungo 1,50 m si è finalmente arreso.

Cambiamenti del tempo: condizioni ottimali o tempo in bianco?!

Il giorno successivo abbiamo avuto un drastico cambiamento del tempo ed eravamo curiosi di vedere come questo avrebbe influenzato il comportamento di morso. Nei prossimi giorni la pressione atmosferica dovrebbe crollare e un fronte freddo di pioggia dovrebbe spostarsi sul sud della Francia. Ci siamo chiesti se un cambiamento così rapido invoglierebbe davvero i pesci a mangiare?! In ogni caso non eravamo proprio contenti e ci siamo seduti sotto l'ombrellone con 10 gradi e una pioggia costante. Christoph è rimasto un po' scioccato dal “clima primaverile” nel sud della Francia, io ci ero già abituato e fortunatamente entrambi avevamo con noi abbastanza vestiti caldi per superare questo dilemma. La giornata uggiosa è trascorsa senza alcuna azione sulle nostre otto canne e ci ha dato speranza per i prossimi giorni. Mi sono convinto che i pesci avessero bisogno di tempo per affrontare queste condizioni. Christoph probabilmente sperava che le mie parole positive fossero vere... (in qualche modo bisogna prendere alla leggera situazioni così avverse)

Abbiamo trascorso tre giorni rinchiusi in pochi metri quadrati all'asciutto. La temperatura dell'acqua è scesa da 17,5 a 15 gradi. Un tale calo della temperatura in questo periodo dell'anno non potrebbe essere una buona cosa, qualunque cosa affermino i "guru della pressione dell'aria".

Il malcontento cresce

Dopo che il tempo si è un po' stabilizzato il quarto giorno, abbiamo voluto cambiare nuovamente luogo. Ho insistito per guardare la zona più profonda dell'acqua che prima era stata ignorata - Christoph mi ha seguito scettico. Poco tempo dopo, quando sono riuscito a convincermi che provare a pescare qui era possibile, ma non era la scelta migliore, abbiamo attraversato di nuovo la grande massa ventosa del lago e, dopo aver riflettuto avanti e indietro ed essere diventati incerti, ci siamo diretti verso una baia, che sicuramente doveva essere una buona scelta in primavera. Dato che per circa due giorni eravamo stati liberi di scegliere un posto su questo grande lago, anche questa parte del lago non era stata pescata e abbiamo deciso di provarla lì per una notte. Eravamo infastiditi e privi di energia a causa del tempo e del trasloco. Nel frattempo le batterie della mia barca erano completamente scariche e la mancanza di sole mi impediva di ricaricare con il pannello solare. Per la prima volta durante il mio tour ho raggiunto i limiti delle mie riserve di energia e sono stato più dipendente che mai dall'energia del sole. Seguì un'altra notte piovosa e senza successo. Il sonno sicuramente non ci è mancato in questo periodo...

Finalmente di nuovo l'energia solare!!!

Il tempo è diventato un po' più positivo il giorno successivo e il sole ha continuato a lottare tra le nuvole. Il pesce sembrava di nuovo un po' più vivace e così la seconda notte ho morso la mia canna in questo punto, che era pericolosamente vicino ad una zona allagata a 200 metri. Sollevati di aver finalmente catturato di nuovo una carpa, abbiamo fotografato il pesce e ci siamo sdraiati di nuovo. Nonostante l'azione, abbiamo voluto cambiare nuovamente spot il giorno successivo perché un pesce in due giorni non ci convinceva a continuare a pescare in questo spot. Ci mancavano anche le opzioni per posare le nostre canne in modo efficiente.
Al mattino ci siamo spostati sulla punta sopravvento dell'ormai famosissima isola. Le canne sono state posizionate in tempi relativamente brevi e abbiamo consumato un vero pranzo in stile francese: baguette con formaggio regionale e una buona bottiglia di rosé.


Siamo entrati nella prima notte pieni di speranza. Alla fine, due punti vicino alla riva dove Christoph aveva rifornito di Boilies bianche per due giorni sono stati ripetutamente mangiati vuoti... non c'era indicatore migliore, anzi...
Con lo spazzolino in bocca mi stavo preparando per andare a letto quando la mia canna ha segnalato davanti a un cespuglio sull'altra sponda: Registrazione del contatto - pesce gatto! Dannato! In qualche modo quest'anno ce l'ho fatta con questo tipo di pesce.

È seguita una meravigliosa giornata di sole in cui finalmente sono riuscito a ricaricare completamente le batterie scariche. Non c'era ancora traccia di carpe. Né durante le nostre esplorazioni nel profondo del sottobosco né quando ascoltavamo la sera nel silenzio della notte abbiamo potuto sentire alcuna chiara traccia che facesse pensare alla carpa. Molto frustrante e in qualche modo la tensione è aumentata, come abbiamo potuto notare, e un estraneo probabilmente l'avrebbe notato immediatamente. Le boileries di Christoph continuavano a scomparire senza lasciare traccia senza alcuna azione sulla sua canna, l'attrezzatura più sofisticata non aiutava, mi faceva impazzire! Dopo la terza notte sulla nostra isola, che avevamo ricominciato ad amare, abbiamo deciso spontaneamente di cambiare lago la mattina mentre prendevamo un caffè, così da poter eventualmente concludere gli ultimi due giorni di Christoph con una carpa e trascorrere il mio compleanno in un posto con migliore condizioni meteo. Il tempo per i successivi tre giorni si è presentato frustrante: si prevedevano forti piogge, vento e temperature in calo su tutta la regione. Sicuramente non volevamo essere in balia di questo tempo sull'isola.

Cambiamento del mare

Decisi subito di ritornare in quell'acqua che ormai conoscevo molto bene e che mi aveva regalato dei buoni pesci nel recente passato, la mia “acqua PB”. La prima cosa che abbiamo fatto con gli occhiali polari è stata camminare lungo la riva per individuare eventuali pesci nella zona dell'acqua. Non ci volle molto prima che vedessimo il primo buon pesce sotto un albero caduto. Prima che il fronte del maltempo ci raggiungesse durante la notte, abbiamo avuto ancora abbastanza tempo per posizionare le nostre attrezzature in luoghi promettenti. All'alba ho preso un boccone che ho completamente liquidato come un pesce gatto. Con noncuranza, ho remato verso il pesce con una lenza completamente allentata per tenerlo fuori dalla portata delle mie altre lenze... questo sarebbe successo anche se un pesce gatto mi avesse rasato via tutte le lenze... Ho remato sopra il pesce per entrare in contatto con il linee a distanza di sicurezza per registrare. Non ho fatto una brutta figura quando ho visto la sagoma di una carpa alla luce dei fari. Quindi ti sbagli e ho forato il pesce a forma di siluro con un po' più di concentrazione. Mentre stavo ancora riponendo la canna, è iniziata la pioggia che è durata tutto il giorno e ha nuovamente messo a dura prova il nostro umore. Abbiamo “festeggiato” il mio compleanno sotto l'ombrellone prima che Christoph tornasse a casa la mattina successiva. Nel pomeriggio ho ricevuto la visita successiva del mio amico Bruno da casa. Volevo pescare con lui per tre settimane in varie acque, alcune delle quali mi erano sconosciute.

Grazie per il tuo interesse per i nostri articoli. Vuoi rimanere aggiornato su Hammer Tackle? Allora puoi iscriverti alla nostra newsletter qui: Hammer Tackle Newsletter

Distinti saluti,
Daniele e Alessio

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Vantastic Lukas: Bann des Dschungels (1) | Hammer Tackle
Vantastic Lukas: Ab ins Zentralmassiv | Hammer Tackle