Blog

Guido Richard: Una prima a Saint Cassien (4)

Guido Richard: Une première à Saint Cassien (4) | Hammer Tackle

Come ogni mattina, ben prima dell'alba, partiamo per l'acqua fino al famoso punto appuntito menzionato nel blog precedente. Al mattino abbiamo una routine ben precisa per caricare le barche senza perdere tempo. Ognuno di noi ha tre grandi sacchi per martelli che posizioniamo sul fondo delle barche come mattoncini Lego. Questo forma un secondo piano dove impilamo il resto delle nostre cose. Ci vogliono meno di tre minuti! Questo è un grande vantaggio per cambiare posizione regolarmente senza stancarsi. In caso di pioggia, non è necessario allestire un riparo poiché tutti gli effetti personali nelle borse rimarranno asciutti mentre pianifichi la tua battuta di pesca.

Arrivati ​​al dunque, allarghiamo le canne come abbiamo fatto il giorno prima, innescando pochissima, giusto qualche polso, nella speranza di riuscire a innescare l'abboccata molto velocemente. Le previsioni del tempo promettono bel tempo, alle otto facciamo già caldo e utilizziamo la meravigliosa acqua azzurra del lago per rinfrescarci. Per fortuna il vento dovrebbe alzarsi al mattino.

Poco prima che si alzasse il vento, intorno alle 9, uno dei pali che avevamo posizionato direttamente ai nostri piedi mentre scendevamo dal promontorio si è aperto.

Io e Laurent ci precipitiamo nella barca senza esercitare alcuna pressione sul pesce per evitare che rimanga incastrato in uno dei tanti ostacoli sul fondo. Quando sono arrivato più o meno direttamente sopra il pesce, dopo alcune vigorose bracciate di Laurent, ho deciso di stabilire un contatto. Il pesce si libera da ogni ostacolo e comincia a camminarci dolcemente intorno per qualche istante, poi all'improvviso tutto si ferma. Alla fine del bastone non ho più alcun senso della vita, solo un peso enorme che non riesco a spostare. Cerchiamo di aggirare l’ostacolo per esercitare pressione da diverse angolazioni. È definitivo, non cambia nulla. È una sensazione di déjà vu del giorno prima quando abbiamo perso un pesce nello stesso modo. Non sembra esserci alcun aiuto per liberare il pesce, quindi passo la canna a Laurent, che riesce a liberare il pesce con pochi tentativi. Qui inizia una vera battaglia. Il pesce corre attorno al punto per molti minuti. Ogni volta che riprendiamo il sopravvento per qualche secondo, il mulinello ricomincia a fischiare. Dopo un'altra potente corsa, il pesce sembra stanco e ritorna nello strato d'acqua. Vediamo un'enorme massa scura nell'acqua trasparente del lago e quando riusciamo a contrastarla e a gettarla nel guadino, la nostra gioia è immensa. Inoltre la sua dimensione è imponente, le sue squame formano una cerniera quasi perfetta.

Tornati a riva, mentre Laurent cambia il suo leader e il leader completamente scuoiato, io mi occupo di mettere il pesce in un sacchetto per prepararlo per il servizio fotografico. Date le condizioni del leader, siamo stati molto fortunati a tirare fuori questo pesce. Per la prima volta a Cassien siamo davvero soddisfatti e contenti dei nostri piccoli risultati. Anche se avessi sognato in grande, non avrei osato sognare un pesce del genere la prima volta che sono venuto qui!! Sicuramente una grande fortuna, ma secondo me anche un premio per i nostri sforzi. I numerosi cambi di posizione e le prepartenze dipendenti dal meteo in posizioni in cui non eravamo sicuri di riuscire a raggiungere il posto in tempo hanno dato i loro frutti. Dato che nessuno dei due è riuscito a scattare foto con l'autoscatto, abbiamo scattato ciascuno una foto ricordo del pesce. Forse questo non piace ad alcune persone, ma come ho detto in un blog precedente, la pesca è solo il risultato della pesca di squadra, mettendo insieme tutto per massimizzare i risultati.

In casa fa caldo in questo momento, ma fuori ci sono quasi meno dieci gradi. I ricordi della sessione fotografica con i piedi nell'acqua e dell'immersione seguita al rilascio dei pesci mi incoraggiano per le poche settimane di freddo che rimangono prima di poter tornare a temperature più confortevoli.

Il resto della giornata è stato molto tranquillo, a parte catturare un piccolo specchio prima che facesse buio. Viste le temperature previste per la mattina successiva e per il fine settimana a venire, abbiamo deciso di lasciare il lago per trascorrere i restanti due giorni di pesca altrove, lontano da tutti i turisti. Eravamo molto contenti della nostra pesca e catturare l'ultimo grosso pesce è stata una specie di nostra testimonianza finale per noi! A presto, San Cassiano!!!

Lungo la strada abbiamo menzionato prima il Rodano come nostra destinazione, poi senza molta motivazione la Saona e poi una grande diga blu dove entrambi avevamo già pescato. Dopo diverse lunghe ore di guida, siamo arrivati ​​alla partenza. Carichiamo le barche, senza motori a scoppio e con le batterie quasi scariche. Le nostre opzioni per questa attività di pesca erano molto limitate. Ci siamo ritrovati su uno dei primi bordi con alcuni cespugli allagati e una piccola insenatura con legno morto alla nostra destra. Le canne vengono posizionate in pochissima acqua per intercettare l'alimentazione dei pesci tra i cespugli e l'erba alta sottomarina. Laurent e io ci godemmo la serata in silenzio.

Quando all'alba abbiamo posizionato la canna davanti ad un tronco d'albero in quasi 80 cm d'acqua, siamo riusciti a catturare una bellissima carpa a specchio dalla forma atipica.

Scambiando messaggi con un collega, ho saputo che un altro collega era in servizio sul lago. Dopo una mia chiamata, ci è voluta un'ora per venire da noi alla stazione dei treni! Complimenti ad Alex e Alban, è stato davvero bello.

La mattina dopo la stessa canna del giorno prima catturò un'altra bella carpa a specchio. Questo ha segnato la fine di questo viaggio prima di affrontare le poche ore rimanenti del viaggio verso casa.

A presto per nuove avventure

Guido e Laurent.

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Guido Richard: Une première à Saint Cassien (3) | Hammer Tackle
Guido Richard: Der große Traum | Hammer Tackle