Blog

Vantastic Lukas: Pesca estiva

Vantastic Lukas: Sommerangeln | Hammer Tackle

Cosa sto facendo?

Dopo aver catturato in tre notti un sacco di carpe squamose selvatiche e semi-forti su un lago naturale di diverse centinaia di ettari, ma la mia motivazione stava gradualmente esaurendo le forze, ho caricato la mia attrezzatura nel furgone un po' a casaccio...

“Prima di tutto tuffati in mare e socializza con la gente”, mi sono detto, così sono andato alla spiaggia sulla costa atlantica, a dieci minuti di distanza.

Quando quel giorno mi capitò di incontrare in spiaggia alcuni surfisti tedeschi e il parcheggio della spiaggia si rivelò sempre più un punto di ritrovo, passai la serata nel parcheggio con gli altri “vanlifer”.

Anche se mi è piaciuta moltissimo la serata, non mi è piaciuto molto dormire in un parcheggio asfaltato. Svegliarsi nella natura, dove non vedo 100 persone che camminano in macchina verso la spiaggia, è più la mia cosa. La mattina dopo mi sono sentito di nuovo un po' fuori posto allo spot (del parco) e in qualche modo non avevo molta voce in capitolo nella cerchia dei surfisti, dato che come pescatore ero più una figura esotica. Quindi dopo un caffè Me ne sono andato e ho trascorso di nuovo un po' di tempo nella calda giornata estiva alla ricerca di opzioni di pesca. Come spesso è successo di recente, nulla ha soddisfatto le mie aspettative. Ero completamente senza un piano ed ero arrabbiato con me stesso per la mia mancanza di un piano. In queste situazioni c’è solo una cosa che può aiutare: ritrovare l’umore giusto con un po’ di esercizio. Con l'aiuto di un'app ho cercato il "posto Freeletics" che si trovava in arrivo, ho fatto un sacco di energie e ho guidato fino a un popolare parcheggio gratuito in una pineta direttamente sul mare. Lì, insieme a molti altri “vanlifer”, ho guardato il tramonto in questo mite sabato sera.

Ho notato come cercassi sempre più il contrasto tra isolamento assoluto e civiltà. A seconda di come mi sentivo, ho deciso intuitivamente dove mi avrebbe portato. La mia decisione poteva cambiare più volte al giorno e alla fine non sapevo bene cosa volevo esattamente: pescare? Spiaggia? La mia pace o meglio il contatto?? Mi sono reso conto più e più volte che la situazione perfetta non esiste mai perché l'ho sempre immaginata come un'illusione nella mia testa e in realtà è sempre andata diversamente. Forse questo è uno degli effetti che ottieni viaggiando da solo, poiché ho potuto condividere queste esperienze più spesso con altre persone che la pensano allo stesso modo.

Au revoir Atlantico

Per il giorno successivo avevo programmato un controllo finale della posizione su uno dei grandi specchi d'acqua della categoria 1000 ettari vicino a me in modo da poter poi decidere come continuare il mio tour. Quando, dopo un giro in bicicletta nel mio specchio d'acqua preferito, ho scoperto con tutta calma che le zone di pesca notturna sono aperte solo da febbraio a fine aprile, ho subito dato un'occhiata al progetto del "grande lago naturale" e ho pedalato lungo il costa via Biarritz verso il confine spagnolo.

Le estese spiagge con le grandi pinete furono sempre più sostituite dalle rocce e dalle scogliere dei vicini Pirenei. A causa del forte sviluppo turistico è diventato sempre più difficile trovare un bel parcheggio nella natura vicino al mare.

Deluso, mi sono diretto verso l'entroterra montuoso. “Probabilmente è stato così per il mio soggiorno sull'Atlantico”. Per quanto bello fosse lì, ma senza possibilità di pesca soddisfacenti, non avevo voglia di trascorrere altro tempo lì.

…Per un breve periodo ho anche pensato di imparare a fare surf per adattarmi meglio allo stile di vita di questa regione…
(Nota del redattore: questo probabilmente ha meno a che fare con lo stile di vita che con le ragazze -> giovane pistola)

Giornate calde

Dopo aver trascorso una notte agitata in un parcheggio alla periferia di una cittadina perché gli adolescenti francesi si ribellavano fino a tarda mattinata e avevano poco riguardo per un tedesco che dormiva nel furgone, il giorno dopo ho fatto un giro acquatico senza alcuna sonno. C'erano tanti nuovi bacini da scoprire ai piedi dei Pirenei, che mi sembravano meno sfruttati.

Sul terzo specchio d'acqua che ho visitato, tutto era di mio gradimento ed ero abbastanza motivato da pompare di nuovo la mia barca, caricarla e cercare un posto in questo bacino deserto. Come sempre, mi sono preso il tempo per vedere e pescare vicino ai pesci. A causa del caldo persistente di oltre 30 gradi degli ultimi giorni, i pesci hanno cercato ombra sotto gli alberi e i cespugli sbiaditi nella zona delle acque basse. Il mio ecoscandaglio ha mostrato una temperatura dell'acqua in superficie di 25 gradi. Quasi nessun vento e nessun miglioramento in vista per i prossimi giorni. Non necessariamente le migliori condizioni per vivere grandi momenti. Che diavolo! Ho scelto un posto dove potevo avvistare la maggior parte dei pesci e dove c'era molta ombra grazie alla sua buona posizione nella pineta.

Estate, sole, pesca

Non c'è voluto molto prima che la prima sera arrivasse una canna, che praticamente avevo messo proprio davanti ai pesci nell'acqua bassa. Il giorno successivo avevo già 4 pesci a mio nome. Le temperature calde sembravano disturbare meno i pesci. Il lago - come l'ultimo lago dell'Atlantico in cui ho pescato - mi ha dato l'impressione di essere un po' sovraffollato, dove sembrava difficile catturare un pesce più grande (ammesso che ce ne fosse). Dato che mi piace pescare in acque di cui ho poche informazioni, ancora una volta mi mancava una visione della popolazione ittica lì. Per me è ancora più interessante svolgere un “lavoro pionieristico” in tali acque e farmi personalmente una panoramica approssimativa delle condizioni prevalenti lì. L'ho fatto anche su questo lago e mi sono ritrovato a combattere più volte durante la giornata sotto il caldo torrido e ho potuto fotografare una o due catture con un gradito refrigerio in acqua. Nel frattempo ho trascorso il tempo sulla mia amaca attaccata all'ombra. Il mio momento clou personale della giornata: “quello con un occhio solo”. Sarebbe potuta andare peggio...

Continua a guidare

La seconda sera sono riuscito a catturare uno dei migliori pesci del lago, nonostante fosse rimasto bloccato in un ostacolo dopo un breve combattimento. Fortunatamente, quando ho portato la barca a pescare, questo si era già liberato e sono riuscito a catturare il pesce con relativa facilità. Le attività regolari e il luogo piacevolmente ombreggiato mi hanno fatto decidere di restare un'altra notte. Anche se i morsi sono diminuiti durante il giorno, quella notte sono riuscito a catturare altri due pesci carini con la macchina fotografica. Senza sapere esattamente dove andare, sapevo che volevo solo continuare a guidare. Mentre caricavo l'attrezzatura, un simpatico francese che ho incontrato allo scivolo mi ha dato alcuni consigli sulle città che si trovavano lungo il mio percorso approssimativamente pianificato verso il Mediterraneo. Ho accettato con gratitudine questa informazione e in cambio ho offerto aiuto per far ripartire la sua macchina, che non si avviava più.

Grazie per il tuo interesse per i nostri articoli. Vuoi rimanere aggiornato su Hammer Tackle? Allora puoi iscriverti alla nostra newsletter qui: Hammer Tackle Newsletter

Distinti saluti,
Daniele e Alessio

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Vantastic Lukas: Burn-out? | Hammer Tackle
Vantastic Lukas: Heute hier, morgen dort | Hammer Tackle