Blog

Vantastic Lukas: Qui oggi, lì domani

Vantastic Lukas: Heute hier, morgen dort | Hammer Tackle

Lungo i Pirenei

Dopo una partenza veloce che ho dato a un francese del posto nel parcheggio del lago, mi sono diretto verso est lungo i Pirenei.

Come sempre lungo il percorso c'erano alcuni specchi d'acqua, che ho raggiunto rapidamente con brevi deviazioni per ampliare la mia "database delle acque" e, a seconda del mio istinto, eventualmente pescare. Conoscevo già la regione dei “Midi Pirenei”, così come la maggior parte dei corsi d'acqua di questa zona. Tuttavia in passato mi è valsa la pena dare una seconda occhiata a laghi o fiumi che già conosco. Non era raro che alla seconda visita trovassi un posto interessante o un percorso migliore per il lago che avevo trascurato la prima volta. Quel giorno accadde proprio così: dopo essermi fatto strada, bagnato di sudore, attraverso il cespuglio della riva, trovai uno spazio aperto in mezzo alla natura selvaggia di uno specchio d'acqua che avevo già guardato brevemente in primavera. Semplicemente fantastico!!

Perso nel deserto

Questa volta non ho dovuto pensarci a lungo e ho subito sentito il bisogno di provarlo lì. La barca atterrò rapidamente in acqua e fu caricata altrettanto rapidamente. Dopo una breve traduzione mi sono trovato sul posto nella natura selvaggia e ho distribuito motivatamente le mie canne a diverse profondità da 1 a 5 metri.

Rimasi a lungo seduto sotto il cielo stellato in questa mite serata e mi godetti la pace assoluta di questo posto, finché, dopo mezzanotte, mi sdraiai sul lettino e la mattina presto fui svegliato dal sonno da un suono costante. Uno specchio è caduto nel guadino e sono stato soddisfatto di aver avuto subito successo sul nuovo specchio d'acqua nonostante l'attuale periodo di caldo.

Osservazioni curiose

Al mattino presto, forti schizzi mi hanno avvisato di un'area poco profonda vicino al mio punto precedentemente produttivo. I pesci avevano iniziato a deporre le uova di notte, alla fine di giugno! – probabilmente la seconda volta quest’anno, con una temperatura dell’acqua intorno ai 24 gradi. La cosa strana è che ho notato che in realtà depongono le uova solo di notte, anche di giorno sembrava che facesse troppo caldo per i pesci e si sono ripresi dalle fatiche notturne nell'acqua piena di erbacce alta fino alle ginocchia. Questo gioco si è ripetuto tutte e tre le notti in cui ho pescato lì. Tuttavia ho potuto pescare ogni notte e le attività sono addirittura aumentate. Nella terza e ultima notte, i pesci sono diventati così attivi a causa di un leggero calo della temperatura di circa 5 gradi che sono riuscito a catturare sei pesci sparsi su tutte le canne quando sono partito al mattino. Ciò mi dimostrò ancora una volta che non tutti i pesci erano impegnati a fare l'amore contemporaneamente. Dopo le tante attività delle ultime ore, è stato difficile per me fare le valigie e partire e ho pensato se dovevo restare un'altra notte, dopo tutto, niente mi motivava...?! Come spesso ho fatto in situazioni del genere, ho deciso di non sfidare la fortuna e di partire quando questa era nel suo momento migliore. Alla fine, sono stato più che soddisfatto del mio risultato. Allora ho proseguito verso il Mediterraneo, lungo il percorso che mi aveva consigliato il francese al parcheggio del lago presso l'ultimo specchio d'acqua.

Il conto in sospeso

In serata, dopo diverse soste nello splendido paesaggio dei Pirenei, sono arrivato alla destinazione prevista. Un lago dove ho incontrato Alex questa primavera per trascorrere insieme qualche giorno di pesca. Dopo un bel vuoto lì, avevo ancora degli affari in sospeso e il lago era sulla mia rotta verso il Mediterraneo.

"Oggi qui domani là"

Sarò breve: ho lasciato cuocere per 2 giorni sotto il sole cocente a 35 gradi, senza vera ombra e non ho catturato assolutamente nulla. Il tempo era tutt'altro che promettente e non si stava sviluppando in quella direzione in alcun modo, non c'era quasi una brezza e non riuscivo quasi a vedere i pesci in movimento nel lago. Dopo la seconda notte ne ho avuto abbastanza e ho deciso di continuare a guidare verso il mare. Il piano è cambiato così rapidamente e il conto in sospeso è stato rinviato a un momento forse più opportuno. Preferirei trascorrere il mio tempo mobile e senza vincoli, viaggiando e visitando la spiaggia: cosa c'è di meglio con questo tempo?! La regione dell'Occitania è davvero meravigliosa; vale la pena soggiornarci, soprattutto poco prima del confine spagnolo, ai piedi dei Pirenei, proprio sul Mediterraneo. Lì ho trovato spiagge non troppo affollate per l'epoca, qualche opportunità per fare sport e parcheggi con una fantastica vista sul mare.

Anche senza pescare ho trascorso il mio tempo senza problemi, cosa che mi è sempre necessaria per ricaricare le batterie ed essere semplicemente più flessibile quando viaggio. Seguendo il motto: “Qui oggi, lì domani” decido poi in modo molto spontaneo dove andrò il giorno dopo.

Dopo quattro giorni, trascorsi gran parte qua e là in spiaggia, questo modo di passare il tempo è diventato per me un po' troppo noioso e monotono. Soprattutto perché passavo tutto il tempo da solo sulla spiaggia, ogni tanto mi sentivo un po' stupido.

Dato che la prossima settimana avrei avuto un incontro con il mio amico Michael, anche lui in tournée in Francia da quasi tre mesi, ho deciso di andare al punto d'incontro nella "Terra Rossa" un po' prima...

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Vantastic Lukas: Sommerangeln | Hammer Tackle
Vantastic Lukas: Rotes Land | Hammer Tackle