Guido Richard

Guido Richard: Pesca a mosca nei Grandi Laghi della Nuova Zelanda

Guido Richard: Fliegenfischen an den großen Seen in Neuseeland

Nuova Zelanda, metà gennaio 2024: dopo due giorni di pioggia intensa, con precipitazioni fino a 110 mm, i fiumi della maggior parte dell'Isola del Sud sono torbidi e purtroppo troppo alti per la pesca a mosca.



È il momento perfetto per avventurarsi in uno degli enormi laghi di questa parte dell'isola! A dire il vero, negli ultimi anni non ho mai osato affrontare questi giganteschi specchi d'acqua con una canna da mosca: la mia priorità sono sempre stati i fiumi della regione. Finora, i laghi sono stati utilizzati solo per nuotare e divertirsi. Ora voglio affrontarli e cercare di catturare una trota a vista con la mosca dalle rive.

Lago Wanaka: il quarto lago più grande della Nuova Zelanda ha una superficie d'acqua di 192 km² e una profondità massima di 300 metri.

 

Lago Havea: leggermente più piccolo di Wanaka, ma comunque gigantesco con i suoi 141 chilometri quadrati.

 

Lago Wakatipu: è il lago più lungo della Nuova Zelanda, con una lunghezza di 80 chilometri e una superficie d'acqua di 291 km². La sua profondità è di ben 420 metri. 

 


Ho pochissime informazioni sulla pesca. I laghi sono descritti come poco interessanti per la pesca a mosca, soprattutto a causa del forte vento da nord-est che sferza la superficie quasi ogni giorno. Tuttavia, i pesci vengono catturati, per lo più con la traina dalla barca. A fine stagione si dice che le foci dei fiumi siano buone, quando i pesci si spostano nei fiumi per deporre le uova. Purtroppo, quasi tutti questi spot sono inaccessibili senza una barca; ho solo pochi chilometri di riva facilmente accessibile per pescare.

Utilizzando Google Maps, scelgo una baia del lago Havea un po' riparata dal vento e con un bordo relativamente vicino alla riva, dove posso individuare eventuali pesci in migrazione. Alla fine, cammino per undici chilometri lungo la riva fino a quando finalmente individuo un pesce che posso catturare. Non è un risultato eccezionale. Ma chi lo sa: la parte del lago sbagliata al momento sbagliato, l'idea sbagliata...? Non ne ho idea, ma almeno ho preso un pesce da questo lago!


Non voglio investire altro tempo qui. Voglio pescare in ognuno dei tre laghi prima che i fiumi abbiano di nuovo un buon livello d'acqua. La sera stessa parcheggiamo il furgone in un posto con una bella vista sul lago Wanaka sotto il sole della sera. Il gioco ricomincia il mattino seguente: si cammina lentamente lungo la riva, con gli occhi sull'acqua e alla ricerca di pesci. 

 


Non succede nulla per le prime tre ore, finché finalmente arrivo a un punto che protegge dal vento una piccola baia poco profonda. 

 

Qui riesco a individuare le trote in tempi relativamente brevi, che si posano su piccole mosche vicino alla riva. A differenza della palude precedente, la pesca è incredibilmente facile: riesco a catturare quasi tutte le trote che lancio. Mi chiedo se questo sia dovuto alla bassa pressione di pesca rispetto ai fiumi dell'Isola del Sud?!

 

Il vento si alza nel pomeriggio, rendendo impossibile vedere i pesci. Torno al furgone e riprendiamo la strada verso Queenstown per pescare l'ultimo grande lago. 

 

Lungo gli 80 chilometri che ci separano da qui, le opzioni sono infinite! Punti davanti alle baie, spiagge, estuari... Così parcheggiamo il nostro furgone non lontano dalla spiaggia della città di Kingston; nelle immediate vicinanze ci sono chilometri di rive con i punti e le baie di cui sopra. Qui dovrei riuscire a trovare dei pesci. 

 

Il mattino seguente, dopo una ricca colazione, mi sono messo alla ricerca delle trote. Riesco a scorgere un pesce ogni 200 metri circa. A differenza del lago Wanaka, dove si nutrivano in modo evidente e attivo, qui le trote nuotano velocemente su e giù per il bordo. Non devo quindi perdere di vista un pesce in nessun caso, mentre corro più avanti lungo la riva per presentare una mosca nel suo percorso di migrazione da lì. 

 

È incredibilmente divertente pescare in questo modo e ancora una volta riesco a catturare quasi tutti i pesci che vedo. Ancora una volta, non c'era pressione di pesca.

 

La pesca ai laghi ha offerto un cambiamento emozionante, soprattutto durante i giorni di alta marea. È stata una grande emozione pescare su questi enormi specchi d'acqua con una canna da mosca! Lo rifarò sicuramente nei prossimi anni, se i livelli dell'acqua o la pressione di pesca mi daranno filo da torcere sui fiumi. Una vita di pesca non sarebbe sufficiente per pescare in ogni angolo dei laghi, quindi c'è ancora molto da scoprire!

Ma ora si torna ai fiumi a caccia di trote mostruose.

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Pascal Bouillon: Frühling heißt Wachwerden
Zwölf Monate Karpfenangeln: Sommerpause Juli?