Blog

Pascal Bouillon: Primavera significa risveglio

Pascal Bouillon: Frühling heißt Wachwerden


Mi ero appena lasciato alle spalle l'autunno, avevo appena festeggiato il Natale e il Capodanno e la nuova stagione era già dietro l'angolo. Noi pescatori sentiamo la primavera prima di tutti gli altri e molto prima che gli uccelli ricomincino a cinguettare al mattino. È il primo vento caldo da sud-ovest, la prima bassa pressione calda di febbraio a svegliarci.
Chi ama la pesca come me mi capisce: Ogni anno è la stessa cosa, eppure non è mai del tutto uguale.



È vero che affronto una nuova stagione con una preparazione meno meticolosa, ma l'euforia e la passione sono immutate.
Le mie mete di pesca principali non sono più a centinaia di chilometri di distanza, ma trovo anche obiettivi e soddisfazioni nei miei luoghi di origine.
Non compro più attrezzatura inutile e meno oggetti di piccole dimensioni rispetto al passato, ma quello che mi serve davvero è sempre a portata di mano.


Il tempo del grande accanimento sembra finito, ma quando mi siedo al timone di notte con il vento e la pioggia, lo sento come se non fosse mai passato.
Mi infastidisce ancora quando perdo un pesce nel bosco o quando tutti i punti buoni della mia acqua bersaglio sono occupati. Mi rende ancora nervoso quando sono seduto in riunione con il tempo giusto invece di essere in acqua, ma tutto questo è diventato più facile di prima.


E finché la leggerezza domina e l'accanimento ben dosato vince sempre quando serve, ce l'hai fatta. Ok, non ci riesco abbastanza spesso, ma sempre più spesso.
E così può succedere che ci si lasci alle spalle le vecchie convinzioni, che si rischi qualcosa di nuovo e che la primavera si riveli all'improvviso completamente diversa da quella che si pensava all'inizio.
Così questa primavera ho dato una possibilità alle nuove esche e, che ci crediate o no, ne è valsa la pena.


Era la prima volta, dopo secoli, che non andavo in Francia per un'intera primavera. Mentre gli altri stavano facendo il giro dei grandi bacini blu del sud o tiravano fuori i pesci dalle canne dei laghi di pianura, io sono rimasto nella cara vecchia Germania. Ed è andata bene. 


Ho preso qualche pesce all'inizio dell'anno, quando l'acqua era ancora gelida, e ho preso subito confidenza con la nuova stagione. Abbiamo trascorso le vacanze di Pasqua senza pescare, e anche questo è andato bene.
Nel complesso, ho pescato un po' meno di quanto avrei voluto, ma ero concentrato come sempre. E in almeno due giorni sono riuscito nell'impresa di trovarmi esattamente nel posto giusto al momento giusto. Conoscete questi giorni e probabilmente li amate quanto me, perché i grandi abboccano e qualunque cosa facciate, sembra funzionare.


Alexander Kobler mi ha convinto a un certo punto a entrare nella sua Hammer Family. Con un buon mix di carisma e DNA da pescatore, un interessante progetto di esche e, ultimo ma non meno importante, la prospettiva di poter scrivere di nuovo della mia pesca, ha avuto vita facile.
La primavera sarà anche ufficialmente finita, ma la stagione ci regalerà ancora tanta adrenalina e avventura. Se di tanto in tanto posso ancora offrire un po' di intrattenimento, questo è il mio più grande piacere.


Pesca e narrazione vanno di pari passo, perché le storie divertenti sulla pesca possono essere paragonate all'inizio di una nuova annata di pesca: “Sembrano tutte uguali, ma non sono mai del tutto uguali”.

A la bien cousins!

Pascal

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Zwölf Monate Karpfenangeln: Juni, die große Ernüchterung (oder doch nicht?)
Guido Richard: Fliegenfischen an den großen Seen in Neuseeland