Blog

Guido Richard: Una prima a Saint Cassien (1)

Guido Richard: Une première à Saint Cassien (1) | Hammer Tackle

All'alba del terzo giorno, solo pochi raggi di sole riescono a squarciare la nebbia e rivelare la struttura del famoso ponte verde. Navighiamo con attenzione sui nostri piccoli gommoni, scrutando l'acqua sperando di scorgere un piccolo cartello che indichi la presenza di pesci per scegliere la località per la giornata. Circa un quarto d'ora dopo, quando il sole è completamente penetrato nella nebbia, l'acqua è calma e Laurent vede apparire in lontananza i primi pesci.

Scruto la superficie del lago, cercando l'alone formato dal pesce che salta, quando appare un secondo pesce. Queste sono le prime carpe che vediamo da quando siamo arrivati.

È una sensazione molto bella quella che ci coglie dopo aver pescato per due giorni e mezzo nel Braccio Sud in due luoghi diversi senza osservare o registrare alcuna attività oltre alla visita di un ghiacciaio. Fin dal nostro arrivo, però, il tempo sembrava abbastanza favorevole: il cielo era coperto e l'aria si era rinfrescata dopo i grandi temporali al nostro arrivo. Abbiamo scrutato l'acqua ancora per qualche istante senza vedere altro prima di sentire una gran voglia di tentare la fortuna nella zona. Si spera che depositeremo rapidamente e discretamente i nostri rig a diverse profondità.

Tutto sembra adatto per innescare un'abboccata, ma non succede nulla e i dubbi sorgono nel tardo pomeriggio... Decidiamo quindi di programmare il giorno successivo, poiché il vento previsto per la notte e il giorno a venire rischia di agitare le acque del un bordo sabbioso in leggera pendenza non lontano dal nostro attuale posto. Vado subito in barca a pre-esca, registro i punti di pesca nel GPS dell'ecoscandaglio in modo da poter andare a pescare velocemente e con discrezione il giorno successivo.

Di ritorno alla postazione, dopo aver mangiato bene, il vento si è calmato, gli alberi si riflettevano nell'acqua con gli ultimi raggi di sole. Il sole scompare dietro la montagna e le nostre speranze di abboccare diminuiscono sempre di più, ma il suono di un rilevatore di morsi distrugge improvvisamente i nostri dubbi. Il pesce non oppone resistenza e risale in superficie davanti a me, per poi atterrare nel guadino pochi secondi dopo: un bellissimo pesce bicolore, sicuramente non lontano dai venti chili di peso e, soprattutto, il mio primo Santo -Carpa Cassina. Siamo contenti e scattiamo velocemente una foto ai pesci nelle ultime luci del giorno.

Il giorno successivo abbiamo deciso di ripescare lo stesso post del giorno prima, poiché la cattura della community ci ha incoraggiato a perseverare un po' prima di unirci al post che avevamo pre-iniziato il giorno prima. Nella notte il vento è aumentato come previsto, l'acqua ha perso i suoi riflessi azzurri e ha lasciato il posto ai riflessi cupi e minacciosi delle nuvole nere sopra le nostre teste. A parte qualche coraggioso rematore, il lago appare deserto, senza turisti o pescatori di carpe in vista. È un po' come se fossimo soli al mondo in mezzo a un grande lago sconosciuto e questo ci diverte molto.

Sembra che ci siano tutti i requisiti per attivare un tocco; le nostre impressioni vengono rapidamente confermate quando un tocco violento ci fa saltare di livello. È la stessa canna del giorno prima, questa volta il pesce procede lungo il bordo: tocca a Laurent prendere contatto. Andiamo al combattimento in barca, il pesce è potente e offre una lotta degna della fama delle carpe del lago. Ammiriamo davvero i colori arancioni della città che abbiamo appena messo in rete.

Per molto tempo abbiamo preferito pescare in squadra. Mettiamo insieme le nostre tre, quattro o anche fino a otto battute se la posizione lo consente. Questo ci permette di sfruttare al meglio la posizione senza arrecare disagi ai pesci e provocare competizione tra pescatori. Questo approccio ha già dato i suoi frutti più volte, soprattutto nelle piccole stazioni di pressione nelle cave di ghiaia, dove due canne da pesca per pescatore sarebbero troppe. Ciò significa che facciamo i turni e il pesce che catturiamo, indipendentemente dal fatto che uno combatta o l'altro, è il risultato di un lavoro di squadra.

Il resto della mattinata e l'inizio del pomeriggio trascorrono senza ulteriori attività, poi decidiamo di fare le valigie e unirci al post già iniziato.

Dalle barche si vede già l'acqua color sabbia del bordo, agitata dal vento. Le aste vengono rapidamente posizionate nei punti GPS contrassegnati durante il pre-adescamento. Molto rapidamente abbiamo registrato diverse abboccate nel primo metro d'acqua agitata dal vento.

Appena cala la notte prepariamo nuovamente la posta per il giorno successivo e con fiducia torniamo alla macchina per passare la notte.

Continua presto nella seconda delle tre parti...

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Scopri di più

Vantastic Lukas: Treiben lassen Richtung Portugal | Hammer Tackle
Angekommen in Portugal | Hammer Tackle